Ricerca Annunci

Mutui e Finanziamenti

Mutui e finanziamentiIl mutuo è un contratto mediante il quale la parte mutuante, consegna alla parte mutuataria, una somma di denaro, fissando i tempi e le modalità di restituzione. Generalmente il mutuo è erogato da un istituto di credito (mutuo bancario), dietro presentazione di garanzie (reddito del mutuatario e, spesso, l'immobile stesso che il mutuatario intende acquistare proprio con i soldi del mutuo).

Tipologie mutuo e finalità

Il caso più frequente è proprio il mutuo per l'acquisto di un immobile, anche se ne esistono di altre tipologie:

  • mutuo edilizio (costruzione di un immobile)
  • mutuo per ristrutturazione (opere di riordino di beni immobiliari)
  • mutuo per liquidità (per particolari esigenze di disposizione di ingenti somme di denaro)


I mutui per l'acquisto della prima o seconda casa costituiscono la maggior parte dei mutui concessi dalle banche. Come regola generale il capitale erogato non dovrebbe superare il 30% del reddito del richiedente: se la famiglia del mutuatario ha un reddito annuo di 100, non può prendere mutui che gli costino più di 30 all'anno.
Per questo motivo spesso le simulazione ed i preventivi si sviluppano proprio a partire dalla rata di rimborso che il mutuatario pensa di poter sostenere.

La concessione del mutuo è in genere subordinata alla disponibilità di un reddito stabile (contratto di lavoro a tempo indeterminato, o in caso di lavoro autonomo, si analizzano i fatturati degli ultimi anni).

Infine, l'importo massimo erogabile è legato al valore dell'immobile presentato in garanzia. Gran parte dei problemi finanziari degli ultimi anni (e conseguente "congelamento" delle erogazioni dei mutui) deriva proprio da un diffuso lassismo delle perizie che dovrebbero attestare il valore dell'immobile (spesso sopravvalutati, contando più sulla contingente capacità di reddito del mutuatario che non sulla garanzia prestata), e dalla recente "moda" dei mutui che arrivano a coprire anche il 100% del valore di perizia dell'immobile.

Tipologie di prodotto

Mutuo Fisso

Le rate del mutuo sono fissate e costanti come importo fin dalla stipula. Consigliato per chi non vuole sorprese o ha un reddito costante nel tempo.

Mutuo Variabile

La rata iniziale è generalmente più bassa rispetto ad una soluzione a tasso fisso di pari importo e durata. Le rate successive possono variare sensibilmente a seconda dell'anadamento dei mercati finanziari. Spesso si tratta di sommare uno "spread" ad un certo indice (generalmente "Euribor"), entrambi indicati sul contratto. Consigliato per chi ha la ragionevole certezza di un reddito in crescita o un reddito legato agli andamenti del mercato.

Mutuo Misto

Parti a tasso fisso o a tasso variabile, e ogni 2/4 anni puoi cambiare la tipologia di tasso da applicare al periodo successivo. Consigliato per chi desidera controllare passo passo il mercato ed adattare il suo piano anche a seconda delle sue variazioni di reddito.

Tasso variabile con "cap"

Come un mutuo variabile, ma con un tetto massimo alla percentuale di interessi che può essere applicata per il calcolo della rata. Consigliato per vuole approfittare dei vantaggi dei mutuo a tasso variabile, limitando i rischi in caso di impennamenti del mercato.

Mutuo rata costante

È un mutuo a tasso variabile la cui rata è costante. In sostanza, al variare del mercato, invece di variare la rata varia la durata del mutuo. Consigliato a chi desidera cogliere le opportunità offerte dal mutuo a tasso variabile, senza rischiare che le rate diventino inarrivabili per le proprie possibilità.

Soggetti Finanziabili

  • Persone fisiche di età non superiore a 80 anni alla scadenza del mutuo
  • Lavoratori dipendenti
  • Lavoratori autonomi
  • Pensionati
  • Lavoratori atipici: contratti "a progetto", lavoratori a tempo determinato e lavoratori interinali
  • Cittadini UE ed extracomunitari

 

Per maggiori informazioni:

COGNOME:
NOME:
EMAIL:
SOCIETA':
CITTA':
TELEFONO:
RICHIESTA: